Rams Daverio – Fluidotecnica 59-71

Senza-titolo-1134

Dopo la grande prova di orgoglio messa in campo contro Cantù, arriva un’altra bella conferma del carattere e del grande Cuore (la C maiuscola è d’obbligo) che contraddistingue questo fantastico Gruppo di ragazzi che porta il nome di AIRONI ROBBIO. Sempre a rotazioni extra-ridotte, per le note vicende che ci hanno costretto a rinunciare a schierare Azo e Tomi, il Gruppo ha trovato anche in questa fase delicata della stagione, la forza di compattarsi e di fare fronte all’emergenza. Se non è Cuore questo, non so in che altro modo chiamarlo. Passiamo alla palla a due di una partita che conta sicuramente più per Daverio, in lotta per evitare i play-out ed eventualmente agganciare l’ultimo posto utile per i playoff. Gli Aironi si presentano invece sicuri di un sesto posto matematicamente inattaccabile, schierando il consueto quintetto che vede al salto Susnjar con Menarini, Sala, Werlich e Ilic. Partiamo subito forte, con la palla conquistata da Martin che imbecca Werlich da tre e con la difesa che recupera palla e apre a Ilic che realizza facile da sotto per un parziale in apertura di 0-5. Daverio risponde con Remonti e Kapedani, sorpassa con Caccianiga, ma il 2+1 di Susnjar ristabilisce il vantaggio per Robbio. La partita sale subito di intensità, ci pensano Sala e Susnjar da oltre l’arco ad allungare e a costruire un buon margine per gli Aironi, avanti di otto alla prima sirena. 13-21. Anche la seconda frazione vede un ritmo gara alto, con i padroni di casa particolarmente aggressivi in difesa. Oggettivamente troppa l’aggressività permessa dalla coppia arbitrale con il clima che in certi tratti, ha più della corrida spagnola che della partita di basket e con il rischio di incorrere in infortuni che non possiamo certo permetterci. In questa delicata situazione ne viene fuori ancora il carattere degli Aironi che con Sala, per due volte da tre, infila la retina e porta il vantaggio oltre la doppia cifra. Nella mischia anche Nagari, ottima palla recuperata e due punti in penetrazione per incrementare l’allungo fino al massimo vantaggio di Werlich (21 pti a fine serata). A questo punto gli Aironi tirano un po’ il fiato, ne approfittano Remonti e soci che sfruttano qualche nostro errore al tiro per ridurre le distanze, di fatto pareggiando il parziale del quarto. 34-42 Aironi alla sirena di metà. Al rientro dagli spogliatoi è Daverio, spinto dal caloroso pubblico, a farsi pericolosa riducendo lo svantaggio a due possessi, 38-42. Gli Aironi non perdono la calma ma dopo 2’ perdono Susnjar, costretto ad uscire per il quinto fallo e limitato da scelte arbitrali, almeno in un paio di occasioni rivedibili. Senza lunghi, tocca a Ilic contrastare il peso del gigantesco Kapedani, compito a cui solve alla grande limitando parecchio il centro di origine albanese. Robbio si compatta e riprende fiducia e margine, riconquistando il vantaggio a due cifre con Campana e Werlich. Solo il canestro di Caccianiga riporta alle solite otto lunghezze il distacco di Daverio alla fine del terzo. 44-52. Gli ultimi 10’ sono di gestione per gli Aironi che giocano con il cronometro e a contenere l’irruenza della difesa di Daverio che prova in ogni modo a mettere pressione ai portatori di palla bianco-blu. L’eccessiva aggressività dei padroni di casa alla fine è obbligata a pagare in termini di falli che arrivano quasi sitematici, raggiungendo in fretta il bonus. Bravi i nostri a girare le percentuali fin ora non eccelse dalla lunetta e a realizzare i liberi concessi, incrementando il vantaggio fino al +12 finale, 59-71. La vittoria di sabato consolida ulteriormente la posizione in classifica e ci mette a ridosso di Cantù, aprendoci eventualmente la possibilità di agganciare il quarto posto. Staremo a vedere, le sorprese di questa “pazza” stagione non sembrano finite.

PARZIALI: 13-21, 34-42 , 44-52
DAVERIO :  Remonti 15, Zecchillo 12, Croci 8, Andina ne, Busana 1, Pol, Pellegrini, Kapedani 5, Caccianiga Stefano 14, Caccianiga Davide 2, Barozzi ne, Cattalani 2. All. Bianchi
ROBBIO:  Menarini 8, Sala 13, Ilic 14, Werlich 18, Nagari 2, Campana 13, Susnjar 3, Parazzo ne, Ferrara ne. All. Sguazzotti