Fluidotecnica – ABA Legnano 78-63

senza-titolo-11

Aironi che rientrano tra le mura amiche del “Cantone” per disputare il primo dei due impegni casalinghi consecutivi previsti dal calendario. Dopo l’amara trasferta di Luino con il suo sciagurato finale che ci ha visto letteralmente buttare via due punti preziosi per la classifica, i nostri Aironi vanno ad affrontare il fanalino di coda Legnano, in un match solo sulla carta agevole. Non bisogna infatti cadere nel tranello di sottovalutare la giovanissima compagine dell’altomilanese, la cui velocità e la freschezza dei suoi giocatori potrebbero giocare un brutto scherzo ai nostri portacolori e questo ovviamente non è un rischio che vogliamo correre. Via allora alle ostilità, la nostra starting lineup è anche oggi formata dal capitano Menarini, Sala e Werlich esterni e dalla coppia serba A.Ilic, Tesovic sotto canestro. Aleksandar fa sua la contesa e anche i primi due punti a referto per Robbio. Legnano che dimostra subito di essere tutt’altro che un avversario abbordabile con la tripla di Rinke. Gli Aironi non si lasciano sorprendere reagendo subito con la penetrazione di Sala e le due bombe di Tesovic. L’ABA è giovane ma non le manca certo il carattere, forte contro reazione ospite, agevolata anche da qualche errore grossolano dei nostri, e Legnano che mette il naso in avanti con Tognati in contropiede. Cambio di regia tra gli Aironi con l’ingresso di Campana che varia il ritmo e agevola il recupero e sorpasso dei biancoblu. Sorpasso che non viene tradotto in un allungo. Sempre troppi gli errori del nostro attacco, non ancora registrato a dovere e una difesa un po’ lasca, permettono agli ospiti di rimanere agganciati al risultato. Nonostante ciò alla prima sirena siamo avanti 19-15. Seconda frazione che sul piano del gioco non differisce di molto dalla prima, ancora imprecisioni della nostra fase offensiva che vengono pagate a caro prezzo. Sono gli ospiti che passano a condurre e a mantenere un, seppur esiguo, vantaggio nei nostri confronti per buona parte del periodo. Solo il furioso break di un ottimo Marko Ilic e di un Werlich in crescita, abili a sfruttare due ingenuità avversarie, permette agli Aironi di andare al riposo lungo con il vantaggio di quattro lunghezze, pareggiando di fatto il parziale, 37-33. Il rientro in campo è decisamente più pimpante per i nostri ragazzi che piano piano allungano fino a raggiungere la doppia cifra di vantaggio, approfittando delle numerose occasioni dalla lunetta. Partita in ghiaccio? Neanche per idea, perchè Rinke e compagni non ci stanno a darla vinta così facilmente e si riavvicinano pericolosamente a meno cinque. La risposta degli Aironi non si fa attendere e trascinati da Marko Ilic, top scorer di Robbio con 15 punti e una buona dose di rimbalzi, riportano il gap oltre le dieci lunghezze, fino al +16 alla fine della terza frazione. Ultimi 10’ di pura gestione del vantaggio, ma è proprio in questa frazione che Menarini e compagni danno finalmente dimostrazione al pubblico robbiese di un gioco fluido e convincente, un gioco da Aironi. Difesa compatta, circolazione di palla e quel legame in attacco che avevamo perso per strada in questo inizio di campionato. Bene anche le rotazioni dalla panchina, che hanno permesso l’ingresso in campo dei giovani Nagari e Panozzo, il primo a referto con due punti nati da un’ottima palla recuperata. In realtà il nostro giovane numero 10 aveva già fatto capolino sul terreno di gioco, rilevando nel secondo quarto, un Menarini gravato anzitempo di tre falli, imbastendo una prestazione convincente. Nel frattempo gli Aironi hanno preso il largo, con il vantaggio salito oltre le 20 lunghezze, solo le realizzazioni del solito Rinke (31 punti) nelle ultime battute, permettono a Legnano di “accorciare” fino al 78-63 finale. Non è solo la vittoria, ottenuta nonostante le difficoltà della prima metà di gara, a riportare il sorriso in casa Aironi, ma i miglioramenti del gioco visti nel terzo e quarto periodo. Piccoli passi in avanti, che devono incutere fiducia e dai quali dobbiamo partire per ritrovare appieno il gioco che ci ha contraddistinto e regalato soddisfazioni nelle scorse stagioni.

PARZIALI: 19-15, 37-33, 56-50

ROBBIO: Andreello 9, Menarini 6, Sala 12, Ilic M. 15, Werlich 10, Nagari 2, Ilic A. 11, Campana 7, Tesovic 6, Panozzo 0. All. Sguazzotti

LEGNANO: Frison 2, Rinke 31, Tognati 12, Berra 10, Gastoldi 4, Roveda 0, Cedrati 2, Colombo 0, Garofalo 0, Secco 0, Dushi 2. All. Ghirelli