Pall. Cerro Maggiore – Fluidotecnica 80-65

senza-titolo-111

Ancora una trasferta senza sorriso per i nostri Aironi. Certo in casa di una delle favorite e nelle condizioni attuali, non potevamo auspicare al colpaccio ma i ragazzi hanno dato in campo tutto quello che potevano e hanno dimostrato che orgoglio e tanta voglia di riscatto di sicuro non mancano. Ci presentiamo in casa di Cerro ancora senza i nostri lunghi serbi e con Andreello infortunato e presente solo per obbligo di firma, quindi con una rotazione effettiva di solo sette giocatori. Premessa sicuramente non invitante a fronte di un avversario al completo su tutti i fronti. Ad aggravare la situazione Sala e Campana presenti ma fermi in settimana per una fastidiosa influenza, insomma più che il pulmino per la trasferta ci sarebbe stata più utile un’ambulanza. Acciacchi vari in “saccoccia” andiamo alla palla a due con Susnjar, Ilic, Werlich, Sala e capitan Menarini. Primi due punti per Werlich su contesa vinta da Martin, la replica immediata di Cerro con DeTomasi. Partita subito frizzantina che si avvia con un ritmo abbastanza serrato e gli Aironi che tengono bene il campo. I padroni di casa provano subito un allungo ma Ilic e compagni non ci stanno e rimangono a stretto contatto, salvo poi concedere qualcosa di troppo ed essere puniti con due triple, una di Marranzano e una di Beretta, che portano avanti Cerro sul finale del quarto. Male l’inizio della seconda frazione per i nostri portacolori che subiscono il gioco di Cerro e soprattutto le rotazioni quasi inesistenti per il nostro reparto lunghi. Squadra di casa che ne approfitta e che scappa anche a +21, bravi loro a metterle dentro davvero tutte ma anche tanta sfortuna nostra che abbiamo visto letteralmente “entrare ed uscire” tanti buoni tiri da fuori, che ci avrebbero permesso di tenere il passo. Scatto d’orgoglio negli ultimi minuti del quarto, che con qualche buona giocata difensiva e gli attacchi di Sala e Susnjar, ci permette di recuperare qualche punticino. 41-27 Cerro alla sirena dell’intervallo. Decisamente meglio il terzo quarto degli Aironi. Sistemata leggermente la difesa ecco i nostri ragazzi mettere decisamente in difficoltà e a forzare l’errore dell’attacco di casa, davanti una maggiore convinzione e una buona dose di aggressività hanno certamente agevolato le realizzazioni, il prodotto di questi fattori è un ottimo recupero che ci ha portato fino al -5 (48-43). Giocatori di Cerro un poco storditi dal rientro Robbiese ma Aironi che si ritrovano, dopo il break, con il fiato corto. Condizione questa che consente ai padroni di casa di riordinare le idee e riportarsi a distanza di sicurezza con due bombe da tre. Alla penultima sirena inseguiamo a dieci lunghezze. Ultimi 10’ nei quali Cerro non fa altro che amministrare il tesoretto accumulato. I nostri Aironi, stoici, che tengono botta nonostante siano evidentemente “sulle gambe”. Punteggio che viene mantenuto sui cinque possessi di scarto per tutto il quarto, salvo subire qualcosa in occasione di un fallo antisportivo assegnato a Susnjar quantomeno discutibile. Gli ultimi punti di Robbio sono nelle mani di Marko Ilic, che fa segnare il maggior minutaggio della squadra con 38’ in campo. Abbiamo perso ancora, la situazione non è delle più facili, ad aggravare la mancanza di due titolari vanno ad aggiungersi infortuni e qualche malanno che complicano ancora di più le cose, ma i ragazzi non mollano e la voglia di invertire il trend negativo c’è e si vede. Qualche miglioramento inizia a vedersi, molto meglio il gioco di squadra e la difesa anche se di lavoro ancora da fare ce n’è. Miglioramenti sul piano della condizione anche per Martin, “richiamato alle armi” per sopperire alla carenza di lunghi e solo alla seconda partita, questa volta limitato più che dalla difesa avversaria da un arbitraggio diciamo pure rivedibile, ma tant’è, la polemica non vuole essere una scusa. I ragazzi ci sono, un segnale nonostante la sconfitta lo hanno dato, adesso speriamo anche nei risultati. Coraggio AIRONI!

PARZIALI: 22-13, 41-27, 62-52

CERRO MAGGIORE:  Cassano ne, Mariani 1, Marranzano 20, Puglisi ne, Bianchi ne, De Tomasi 11, Pastori 13, Beretta 22, Antonini 7, De Lucia 6. All. Legramandi
ROBBIO :  Andreello ne, Menarini 7, Sala 13, Ilic M. 11, Werlich 15, Nagari 0, Campana 5, Susnjar 14, Ferrara ne. All. Sguazzotti