Rovello Porro – Fluidotecnica 65-76

Senza-titolo-113

Inizia bene il nuovo anno per i nostri colori. A confermare la grande prestazione contro Cadorago, nella quale i nostri ragazzi sono stati molto bravi, non solo a riscattare la sconfitta patita all’esordio di campionato ma anche a guadagnare il favore dell’eventuale doppio confronto, arriva la convincente vittoria in trasferta sul campo del Rovello Porro. Vittoria tutt’altro che scontata, nonostante la classifica, su un campo non facile e ancora senza la guida di Coach Sguazzotti. Mancanza ottimamente colmata dal trio tecnico Manzini, Susnjar, Cislaghi ai quali vanno fatti solo dei grandi complimenti per come hanno gestito e preparato entrambi i match. Ovviamente non si possono trascurare gli attori protagonisti in campo che ancora una volta hanno dato dimostrazione di grande impegno e serietà nel sobbarcarsi un peso come l’assenza dell’allenatore. Complimenti dovuti, ma passiamo alla cronaca della partita di venerdì. Gli Aironi si presentano a Rovello ancora orfani (perlomeno sul campo) di Susnjar, fermato dai postumi influenzali. La scelta di Coach “Toro” è quindi ancora per la formazione a trazione Serba che ha ben figurato sette giorni prima contro Cadorago. Palla a due con Tesovic, M.Ilic, Werlich, Sala e Menarini, l’errore al tiro di Tomi e la palla persa di Sala propiziano l’avvio di Rovello che va subito sul 4-0 con Terraneo e Lanzi. Risposta robbiese dall’arco con Werlich da tre che riporta sotto gli Aironi, salvo subire un altro 4-0 dai padroni di casa che insaccano un libero e un tiro da tre di Lanzi. Rovello subito pericoloso con i suoi elementi migliori ma che non spaventa i nostri ragazzi, contro-break immediato degli Aironi per l’aggancio e il sorpasso. Primo quarto di grande eqilibrio, Robbio allora prova ad alzare il ritmo ma Rovello rimane a ruota sfruttando esclusivamente i tiri dalla lunga distanza. Gioco al quale partecipano anche Sala e Tesovic che realizzano un 0-6 per l’allungo degli Aironi che concludono i primi 10’ avanti 18-28. Seconda frazione che vede i nostri un po’contratti, ne approfitta Rovello che con Bosa da tre riporta lo svantaggio sotto la doppia cifra, seguito da Terraneo (liberi) e da Galletti, sempre da tre, che riportano sotto i padroni di casa. Dalla nostra parte è Werlich, anche lui da oltre l’arco, a dare ossigeno ad una difesa un po’in “bambola”. Rovello però ormai ha ripreso coraggio e complice qualche “furbata” non rilevata dalla copia arbitrale, ma anche alcune nostre conclusioni affrettate in attacco, si riportano in parità sul 40 pari. Solo il canestro di Ale Ilic, bravo a raccogliere un gran rimbalzo offensivo, permette agli Aironi di andare al riposo lungo avanti 40-42. Alla ripresa delle ostilità scendono in campo degli Aironi molto più aggressivi, bene la difesa che
ora non permette tiri facili e bene l’attacco che sfrutta la fisicità della coppia serba, soprattutto i centimetri di Ale Ilic. Robbio adesso preme sull’acceleratore, anche se Rovello non molla utilizzando il solito tiro da tre di Lanzi. Anche la terza frazione vede un sostanziale equilibrio, ma stavolta gli Aironi mantengono comunque un margine di vantaggio che varia dalle 5 alle 6 lunghezze. Gli ultimi minuti del terzo quarto vedono un leggero affanno dei nostri, incalzati dall’aggressività della squadra di casa, della quale ne fa le spese il nostro Campana costretto a tornare in panchina con una caviglia dolorante. A rilevarlo un buon Nagari, aggressivo in difesa (una bella palla recuperata) e bravo a cogliere un gran tiro da tre a fil di sirena. Ultimi 10’ con gli Aironi sopra di nove (49-58). Rovello ci riprova a riaprire i giochi con Terraneo e Barbisan da lontano, portandosi sul -4. A questo punto Manzini prova a sorpresa la carta della zona, sfidando gli avversari proprio sulla caratteristica che li ha tenuti a galla fino ad ora, il tiro da fuori. La mossa funziona, la precisione di Lanzi e compagni viene meno e Robbio ha finalmente l’occasione di chiudere la partita. Cosa che riesce anche andando a cercare un Ilic diventato nel frattempo incontenibile sotto canestro (20 punti a referto) e trovando un parziale di 2-10 che di fatto chiude ogni vellità di rimonta alla squadra di casa. Finisce 65-76 per gli Aironi, che confermano la posizione in classifica insieme a Groane, agganciando Cadorago a quota 22 e tenendo a distanza di sicurezza Castronno. Sarà sicuramente un girone di ritorno interessante.

PARZIALI: 19-28, 40-42, 49-58
ROVELLO :  Galletti 7, Mascheroni, Lanzi 14, Romei, Bianchi 1, Barbisan 16, Bosa 9, Martinoni ne, Terraneo 9, Pessina 7, Maiocchi 2. All. Cilio
ROBBIO :  Andreello, Menarini 6, Sala 15, Ilic M., Werlich 19, Nagari 3, Ilic A. 21, Campana 4, Tesovic 8, Panozzo, Ferrara. All. Manzini